Per mano nel vuoto

Un lavoro emotivamente forte che tuttora mi fa rivivere le emozioni provate durante gli
scatti che ho realizzato nel Luglio 2010, un viaggio attraverso la mente del malato di
Alzheimer che ho vissuto con grande intensità, in pochi giorni, lasciandomi ispirare e
guidare dalle esperienze e dal vissuto delle persone che ne sono realmente affette, ma
soprattutto dai loro cari che li prendono per mano e li accompagnano giorno dopo giorno
nel loro solitario vagabondare.
Ho scelto di rappresentare con semplicità le tappe principali di questo viaggio senza
ritorno, utilizzando oggetti di uso comune ed ambienti a noi tutti famigliari proprio per
arrivare subito allo spettatore e dargli la possibilità di vivere lo scatto e di immedesimarsi
nella quotidianità del malato di Alzheimer e delle persone che lo accudiscono.

La mia opera artistica nasce con l’intento di smuovere le coscienze che ne fruiscono,
fungendo da ponte fra il silenzio nel quale sprofondano le persone affette da questa
patologia – demenza senile e Alzheimer – ed il mondo che li circonda, tentando di dare voce
al loro silenzio e di scuotere gli animi del pubblico.
Coloro che vivono la malattia, che la conoscono bene, come ad esempio i familiari o gli
operatori sanitari che accudiscono ed accompagnano quotidianamente il malato,
comprendono bene cosa significhi, ma arrivare al cuore – seppur per un breve momento –
di coloro che ne sono al di fuori per sensibilizzarli su questo tema, è il desiderio e lo scopo
più alto che mi pongo nel mostrare quest’opera, con la speranza di poter essere di aiuto
nell’incrementare l’attenzione su questa tematica e con essa l’attuazione di nuovi
provvedimenti atti a migliorare la qualità di vita dei malati e delle persone che li
circondano.
Non fu facile dare un titolo a quest’opera, ma quando portai a termine gli scatti e mi fermai
a ripensare su quanto avevo vissuto nel realizzarli, un’immagine chiara mi venne alla
mente e furono due i concetti chiave che sentii nel mio cuore: “accompagnare senza paura”
e “viaggio sospeso”.
Da qui “per mano” ad indicare “per mano ti accompagno, non avere paura, non sei solo
ci sono io al tuo fianco, so che puoi sentirmi” e “nel vuoto” ad indicare “non so dove sei e
dove mi porterai, ma ci affidiamo l’uno all’altro con fiducia e tutto andrà per il meglio”.
Per quanto incompreso e disperato possa essere il viaggio nell’ignoto che compie il malato,
l’importanza dell’assistenza e della partecipazione di coloro che lo accudiscono è
fondamentale.
Penso che questo pensiero racchiuda tutta l’opera e ne incarni l’essenza.

Chiara Galliano


Questo lavoro è composto da 13 scatti, uno dei quali montato su installazione, ed è stato
esposto ad Art-Verona nell’Ottobre 2010 e successivamente alla Biennale di Video e
Fotografia Contemporanea di Alessandria “Disturbi e Disordini” – Aprile/Ottobre 2011,
viene portato nel 2012 ad Arles – Francia – in occasione della rassegna annuale d’arte
dedicata alla fotografia “Les rencontres d’Arles”, recentemente nel 2019 è stato
nuovamente esposto presso 2 sedi, la Residenza Nicola Basile di Alessandria e il Castello
Sofia di Bricherasio in Fubine Monferrato (AL).

Nel 2019 “Per Mano nel Vuoto” è diventato un PROGETTO molto più ampio che si propone di migliorare la qualità di vita degli ospiti, affetti da demenze senili, ricoverati presso la Casa di Riposo di Fubine Monferrato, attraverso un sistema integrato e coordinato di attività di animazione, attività psicologica e neuropsicologica.

Il percorso prevede trattamenti individuali e di gruppo, monitorati con documentazione medica, fotografica e video per creare un iter di studio e ricerca sui benefici di tali metodologie, nonchè la realizzazione di un “giardino alzheimer” in un’area verde della struttura, per poter sviluppare attività in esterno, in un ambiente protetto, in cui gli ospiti potranno muoversi e tornare a compiere gesti conosciuti ed attività sensoriali. E’ previsto inoltre un percorso di formazione ed ascolto dedicato alle famiglie, agli operatori e ai volontari.


Scrivi un messaggio a Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: